Resoconto incontro col Ministro Giannini. Napoli 7 novembre 2014

0
256

Cari Colleghi,

una delegazione dell’ASMED e del SIGM dell’Università degli Studi “Federico II”, in data 7 Novembre 2014, ha chiesto ed ottenuto di incontrare il Ministro Giannini a margine di un convegno organizzato dalla Scuola di Medicina dell’Università degli Studi “Federico II” di Napoli. 
La delegazione ha consegnato al Ministro il Manifesto della Manifestazione del 5 novembre 2014 (LEGGI QUI), sollevando direttamente ed indirettamente i seguenti punti:

1)     Accesso a Medicina: è stata ribadita la necessità di preservare l’accesso programmato e di compensare gli ingressi in eccesso. Inoltre, qualora venisse introdotto il “sistema alla francese” o sue varianti, è stato chiesto con fermezza che la selezione degli studenti venga effettuata modalità oggettive, non discrezionali, meritocratiche e trasparenti.

2)     Concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione: è stato riaffermato il valore del concorso nazionale e sono state avanzate delle ipotesi per renderlo inattaccabile in futuro (ad es. concorso in unica o poche sedi e presenza delle forze dell’ordine in loco, ecc.). Inoltre, dopo aver sottolineato le gravi criticità che hanno caratterizzato le selezioni, a causa dell’incuria del MIUR, ed al di là del “drammatico” errore del CINECA dell’inversione delle domande dell’area medica con quella dei servizi, è stata ribadita la necessità che il MIUR tuteli tutti i candidati danneggiati sia dall’annullamento delle domande, sia dalle numerose criticità e dall’errore imperdonabile, che sono stati sotto gli occhi di tutti.

3)  Riordino dell’Ordinamento Didattico e riduzione della durata delle scuole di specializzazione: è stata richiesto di garantire l’applicazione della legge in tutte le sue parti e quindi di procedere  all’immediata riduzione della durata di quelle scuole che presentino una durata ipertrofica, garantendo il diritto di opzione facoltativa agli specializzandi iscritti agli anni di corso per i quali la legge prevede il riordino.

Il Ministro con riferimento all’accesso a medicina ha affermato terrà in considerazione le richieste della delegazione. Con riferimento alla gravissima problematica dei candidati danneggiati dalle note vicende concorsuali ha affermato che il MIUR, una volta conclusesi le  procedure di scorrimento di candidati vincitori, ha in programma di studiare eventuali soluzioni cantierabili. Infine, il Ministro ha rassicurato sull’intenzione del MIUR di garantire quanto previsto e richiesto al punto 3 anche in funzione della necessità di recuperare risorse da reinvestire in contratti di specializzazione.

Diamo notizia, inoltre, del fatto che a margine del convegno il Ministro ha subito le legittime contestazioni dei candidati danneggiati dalla vergognosa gestione del concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione di area sanitaria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here